Quando la mente va contro natura…

«Subito dopo essere vivi, la fatica più grossa è fare del sesso» Andy Warhol

seminario

L’approccio strategico alle questioni umane preferisce considerare di volta in volta le situazioni presentate dalla persona come «problemi» rispetto alle operazioni di classificazione delle cosiddette «malattie» o «disturbi» psichici.

Tuttavia, per ragioni di praticità, è necessario ricorrere ad una sorta di classificazione, al fine di facilitarne l’esposizione e la comprensione. Ecco un breve excursus sulle prinicpali problematiche sessuali che coinvolgono entramibi i generi, maschile e femminile:

Disturbo da Avversione Sessuale

Caratterizzato dalla persistente o ricorrente estrema av­versione ed evitamento di tutti (o quasi tutti) i contatti sessuali genitali con un partner sessuale. Tale condizione pro­voca notevole disagio a livello soggettivo o difficoltà nei rapporti interpersonali.

Disturbo dell’Eccitazione Sessuale femminile

Consiste nell’incapacità (persistente o ricorrente) di rag­giungere o di mantenere fino al completamento dell’attività sessuale una risposta adeguata di eccitazione sessuale. Questo provoca notevole disagio o difficoltà interpersonali.

Disturbo Maschile dell’Erezione

Persistente o ricorrente impossibilità di raggiungere o mantenere un’erezione adeguata fino al completamento dell’attività sessuale. Presenza di notevole disagio o diffi­coltà interpersonali.

Disturbo dell’Orgasmo Femminile

Persistente o ricorrente ritardo, o assenza, dell’orgasmo dopo una fase di eccitazione sessuale normale. Precisando che «Le donne mostrano un’ampia variabilità nel tipo o nel­l’intensità della stimolazione che induce l’orgasmo, il problema potrebbe nascere nel caso in cui la capacità di orga­smo della donna sia minore di quanto ci si aspetterebbe per età, esperienza sessuale, e adeguatezza della stimolazio­ne sessuale ricevuta». Anche in questo caso, il disturbo deve determinare notevole disagio o difficoltà interpersonali.

Disturbo dell’Orgasmo Maschile

Persistente o ricorrente ritardo, o assenza, dell’orgasmo dopo una fase normale di eccitazione sessuale nell’ambito di una attività sessuale che il clinico, tenendo conto dell’e­tà del soggetto, giudica adeguata per localizzazione, inten­sità e durata. Notevole disagio o difficoltà interpersonali.

Eiaculazione Precoce

Persistente o ricorrente eiaculazione che segue una minima stimolazione sessuale prima, durante o poco dopo la penetrazione, e che avviene prima che il soggetto lo desideri. Tenendo conto dei fattori che influenzano la du­rata della fase di eccitazione, come l’età, la novità del part­ner sessuale o della situazione, e la frequenza recente del­l’attività sessuale…

Dispareunia

Ricorrente o persistente dolore genitale associato al rap­porto sessuale in un maschio o in una femmina. Comporta notevole disagio o difficoltà interpersonali. Questa condizione non è causata esclusivamente da vaginismo o da mancanza di lubrificazione.

Vaginismo

Ricorrente o persistente spasmo involontario della musco­latura del terzo esterno della vagina, che interferisce col rapporto sessuale. Causa notevole disagio o difficoltà inter­personale.

ISTRUZIONI PER UNA PESSIMA VITA SESSUALE

PSICO SOLUZIONI


BIBLIOGRAFIA:

“La mente contro natura. Terapia breve strategica dei problemi sessuali” G. Nardone, M. Rampin, 2005 ponte alle Grazie (Saggi di Terapia Breve)


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...